RIMUSICAZIONI FILM FESTIVAL

2012

 
 


Martedì 4 dicembre 2012

Trento-Cineforum/ Teatro S. Marco




L’Uomo Meccanico

André Deed ,1921,80'

Musica originale di Matteo Nobile, Marco Furlani

 

L'uomo meccanico è un film muto del 1921 scritto, diretto e interpretato dal comico francese André Deed (noto in Italia con il nome d'arte di Cretinetti). Oltre ad essere tra i primissimi film prodotti in Italia con elementi fantascientifici, in esso per la prima volta viene messo in scena uno scontro tra un robot buono e uno cattivo.



Uno scienziato riesce a costruire un meccanismo a forma di un uomo che può essere comandato a distanza da una macchina. L'uomo meccanico possiede velocità e forza superiori a quelle umane. Lo scienziato è però ucciso da una banda di criminali, guidata da Margherita Donadieff (Mado), che vuole ottenere le istruzioni per la costruzione dell'uomo meccanico. I criminali vengono catturati prima che essi siano in grado di riceverle e sono giudicati e condannati. Con uno stratagemma, Mado riesce a sfuggire dal carcere e rapisce Elena D'Ara, la nipote dello scienziato per costringerla a darle le istruzioni per costruire un altro meccanico. L'uomo meccanico è utilizzato per una varietà di crimini, controllato a distanza da Mado tramite un "tele-visore". Il fratello dello scienziato, tuttavia, riesce a creare un secondo uomo meccanico che utilizza contro l'originale. I due uomini meccanici si combattono tra di loro durante un veglione al teatro dell'Opera e finiscono per distruggere loro stessi ed il teatro. Dopo molte scene di distruzione e scompiglio tra i presenti, il drone “malvagio” viene sconfitto grazie all’aiuto di Saltarello che provoca un cortocircuito al sistema di controllo.